9.6.07

Monicelli difende il cinema italiano

Mario Moncelli non crede alla crisi del cinema italiano in America: "Mi spiace sentire parlare di crisi. Direi invece- ha aggiunto - che qui a New York questa crisi non si sente". Il regista ha partecipato alla settima edizione di Open Roads, rassegna annuale dedicata al nuovo cinema italiano. Ben 12 film di registi italiani saranno presentati fino al 14 giugno al pubblico newyorchese, oltre a 7 cortometraggi.
(da Ansa.it)

1 commento:

Lilith ha detto...

Se non si sente forse non è perchè non cè, ma per il sistema di distribuzione dei film italiani in America. La maggior parte dei film sono distribuiti senza doppiaggio, m sottotitolati. Il che significa che il cinema italiano commerciato è limitato a pochi blokbusters, mentre il resto è riservato a coraggiosi cinefili pronti, per esempio, a sorbirsi 2 ore e mezzo di film con sottotitoli. In nessuna di queste due condizioni parallele si può avere un'idea globale delle tendenze del cinema italiano.