4.9.07

INLAND EMPIRE: pubblicazione soundtrack

E' annunciata per settembre, probabilmente l'11, la pubblicazione americana della soundtrack di INLAND EMPIRE. Come scritto qui sul Mulholland Blog, c'erano stati complessi problemi sui diritti che ne avevano rallentato la lavorazione ma adesso il prodotto è pronto ad essere pubblicato sotto l'etichetta di Lynch, Absurda. Qui di seguito la tracklist:
01 David Lynch "Ghost of Love" 5:30; 02 David Lynch "Rabbits Theme" 0:59; 03 Mantovani "Colours of My Life" 3:50; 04 David Lynch "Woods Variation" 12:19; 05 Dave Brubeck "Three To Get Ready" 5:22: 06 Boguslaw Schaeffer "Klavier Konzert" 5:26; 07 Kroke "The Secrets of Life Tree" 3:27; 08 Little Eva "The Locomotion" 2:24; 09 David Lynch "BBQ Theme" 2:58; 10 Krzysztof Penderecki "Als Jakob Erwachte" 7:27; 11 Witold Lutoslawski "Novelette Conclusion" (excerpt) /Joey Altruda "Lisa" (edit) 3:42; 12 Beck "Black Tambourine" (film version) 2:47; 13 David Lynch "Mansion Theme" 2:18; 14 David Lynch "Walkin' on the Sky" 4:04; 15 David Lynch / Marek Zebrowski "Polish Night Music No. 1" 4:18; 16 David Lynch / Chrysta Bell "Polish Poem" 5:55; 17 Nina Simone "Sinnerman" (edit) 6:40.

6 commenti:

conte mascetti ha detto...

mai una volta che citi la fonte da cui fai copia/incolla delle notizie.
ti piace passare per brillante eh?

Massimo Manuel ha detto...

Caro Ugo,
se facessi copia e incolla, citerei sicuramente anche l'autore o l'autrice che "sfrutto". Se tu hai qualcosa da passarmi, ti citerò volentieri. Fino a che continuerò a scrivere di mio personale pugno, non credo debba servire fare alcuna citazione. Ovvio che le notizie non me le posso inventare; anche io leggo i giornali e i siti internet, da cui poi attingo.
Cheers.

conte mascetti ha detto...

Sì, ma quando uno "attinge" da una fonte la cita (la fonte, non la scimmia). Poi se non è copia/incolla una lista di brani con rispettiva durata... questo è voler fare lo splendido, quello che sa le cose perchè conosce "i posti giusti".
Ossequi

Trancer000 ha detto...

Massimo sapresti dirmi che videocamera ha utilizzato il nostro David per IE (marca e tipo) ? ... e riguardo a questa tematica ,, sai se Lynch è il primo a fare un lungometraggio in DV ,, (al proposito mi pare che anche Cronenberg avesse fatto qualcosa )... tra le critiche che i detrattori fanno a Lynch c'è anche quella secondo cui col digitale si risparmia (economicamente intendo) ed è piu facile ,,, ma mi sembra una cosa che non sta in piedi ,,perchè Lynch ha mostrato chiaramente che effetti riesce a raggiungere col DV : dei neri eccezionali, inquadrature in primo piano bellissime, ecc.
Grazie

Massimo Manuel ha detto...

@conte mascetti: Caro Ugo (ma sempre un "furbo" anonimo rimani)...ma quali posti giusti, forse non ci siamo capiti! Io mi sento tutte le mattine con David Lynch via telefono ed è lui a tenermi aggiornato quotidianamente su tutto ciò che riguarda il suo lavoro.
Cheers.

@trancer000: se ricordo bene, dovrebbe trattarsi di una Sony PD-150. Ricordo anche un'intervista in cui Lynch asseriva di optare per questa camera ad altre in HD perchè preferisce una qualità più bassa.
Non credo affatto che Lynch sia stato il primo a girare un film completamente in digitale, ma neanche so dirtelo con certezza. Mi pare di ricordare un film co-diretto da Jennifer Jason Leigh dal titolo "The anniversary party" che fu girato totalmente in digitale.
Ovviamente, ritengo che le critiche mosse a Lynch sulle motivazioni del digitale siano pretestuose. Lynch sarà pure un regista d'èlite (o quanto meno lo costringono ad esserlo) ma non ha mai avuto problemi a reperire produttori per i suoi progetti. Credo che la sua conversione al digitale sia un normale processo di crescita che lo ha portato ad approfondire un mezzo molto più consono alla sua poetica.

Stefano Miraglia ha detto...

Beh, infatti che "col digitale i costi si abbassano" è una puttanata che gira troppo... "Collateral" di Mann è girato in digitale con una Sony HD che costa quasi 60.000 dollari....